«MONTERUGA, FRAMMENTI DI MEMORIA» presentazione del libro di Adriana Diso

0
1797

Il libro patrocinato dal GAL Terra d’Arneo sarà presentato Venerdì 4 marzo 2016 alle ore 18.00 presso l’ex Chiostro dei Carmelitani di Nardò

Venerdì 4 marzo 2016 alle ore 18.00 presso l’ex Chiostro dei Carmelitani di Nardò si svolgerà la presentazione del volume “Monteruga. Frammenti di memoria” (Edizioni Esperidi 2014, II ed.).

A due anni dalla prima edizione, e ad uno dalla seconda, il volume dedicato alle memorie del borgo di Monteruga, continua a destare interesse sia in chi vi ha trascorso parte della propria vita, sia in chi, avendo visto per caso, il così detto paese fantasma, desidera capire come si vivesse in quel pezzo di terra salentina. Dopo moltissime presentazioni, svoltesi nel sud Italia ma in prevalenza nel Salento, il volume patrocinato dal GAL Terra d’Arneo e pubblicato da Edizioni Esperidi, giunge a Nardò, cuore dell’Arneo.

monteruga_libro
“MONTERUGA. FRAMMENTI DI MEMORIA” (II ed. ampliata e aggiornata) di Adriana Diso, pp. 104, b/n, 58 immagini, ISBN 978-88-97895-17-6, € 13.00, EDIZIONI ESPERIDI, dicembre 2014

IL VOLUME. Il minuscolo borgo di Monteruga sorge durante il ventennio fascista e, con le sue case, la scuola e la chiesa, è solo un puntino nelle campagne di Veglie (Le), che volgono dolcemente verso il Mar Jonio. Adriana Diso c’era: a scuola, con il suo grembiulino nero, sul vicino “monte” a guardare il tramonto, nella sua casa, diventata tanto fredda dopo la morte della mamma. Adriana ci è rimasta: ha visto fiorire il suo giardino tra le mani della mamma “nuova”, ha ricamato il suo “corredo” con le amiche e poi ha sposato il suo Biagio, lì, nella chiesa. Adriana Diso, come tutti gli altri abitanti, ha lasciato Monteruga ormai da 40 anni e con questo libro ci ritorna con il cuore. Ed un sospiro.

L’AUTRICE. Adriana Diso (1952) nasce a Castrignano del Capo (Le), ancora bambina si trasferisce nel piccolo borgo di Monteruga; ci vive fino al matrimonio per poi trasferirsi a S. Pancrazio Sal.no (Br) dove abita con la sua famiglia. Non avrebbe mai immaginato di scrivere un libro ma poi, con semplicità lo ha fatto, riscuotendo interesse e partecipazione.

Dopo i saluti del sindaco di Nardò Marcello Risi, dell’assessore alla Cultura Mino Natalizio e dell’editore Claudio Martino, interverranno Cosimo Durante, presidente del GAL Terra d’Arneo, Eugenio Imbriani, docente di Antropologia culturale presso Unisalento e Giancarlo De Pascalis, architetto. Sarà presente l’autrice, Adriana Diso.

3 Marzo 2016

gal_monteruga

LEAVE A REPLY