Porto Cesareo: «Ritardo stipendio di febbraio ai lavoratori di Ecotecnica srl» Nota dei consiglieri Schito, My, Paladini, Peluso, Sambati

0
1549

Nota dei consiglieri comunali
Francesco Schito, Stefano My del gruppo consiliare “Cambiare Rotta”
Anna Paladini del gruppo consiliare “SiAmo Porto Cesareo”
Dott.ssa Anna Peluso, Avv. Eugenio Sambati del gruppo consiliare “Gruppo Misto

Di seguito la nota dei consiglieri comunali di opposizione di Porto Cesareo riguardante il ritardo nel pagamento degli stipendi ai lavoratori di Ecotecnica srl. I consiglieri hanno affisso anche dei manifesti in segno di solidarietà ai lavoratori di Ecotecnica srl. A sostegno dei lavoratori anche “Cobas Lecce” che  lunedì 25 marzo 2024 ha fatto un sit-in di protesta chiedendo inoltre al Sindaco di Porto Cesareo il “pagamento sostitutivo”, anche minimo, erogando un acconto di 500 euro sulla mensilità di febbraio e 500 euro sulla mensilità di marzo. Richiesta che non è stata accettata.

Porto Cesareo – Ritardo stipendio di febbraio ai lavoratori di Ecotecnica srl (ditta del servizio di igiene urbana)

PORTO CESAREO – Noi sottoscritti consiglieri comunali di opposizione e di minoranza, Francesco Schito, Stefano My, Anna Paladini, Anna Peluso, Eugenio Sambati, siamo sconcertati dalla notizia che i lavoratori di Ecotecnica srl (ditta incaricata per il servizio di igiene urbana), non hanno ricevuto in tempo lo stipendio di febbraio 2024, prima delle festività pasquali.

È una situazione senza precedenti, incresciosa, che ha messo in seria difficoltà i lavoratori e le loro rispettive famiglie. I lavoratori, con grande dignità, hanno continuato a svolgere il loro servizio pubblico e di questo prendiamo atto e ne riconosciamo il loro valore umano e professionale. Grazie!

Nell’ultimo Consiglio comunale del 22 marzo 2024 abbiamo portato proprio questa questione che ci era stata già segnalata.

Ci erano state date delle rassicurazioni dal consigliere comunale di maggioranza delegato, Pasquale De Monte, ma ciò non è servito a garantire la ricezione dello stipendio in tempo, ossia prima delle festività di Pasqua e pasquetta. Anche la sindaca Silvia Tarantino aveva scritto un post su facebook “che aveva fatto di tutto per rendere la Pasqua più serena per tante famiglie!”. Ma questo non è purtroppo stato!

Contano i dati di fatto e i dati di fatto sono che  manca ai lavoratori  lo stipendio di febbraio che si sono meritato con il loro lavoro. Perché è accaduto questo?

Per cronaca dei fatti, il Comune di Porto Cesareo solo martedì santo 26 marzo 2024 ha proceduto per la liquidazione alla ditta Ecotecnica srl del canone dovuto (220mila euro circa), nonostante le fatture della ditta siano state assunte al protocollo in data 4 e 5 marzo.

Tantissimi giorni di tentennamento, troppi, causati perché il Documento Unico di Regolarità Contributiva (detto DURC) della ditta era in scadenza il 2 marzo 2024 (notizia ben nota in Comune da diversi mesi) ed è passato “in verifica” solo per la parte INPS (è regolare per la parte INAIL e Cassa edile).

Tuttavia, come ha più volte ribadito la stessa ditta Ecotecnica srl, vale un’Ordinanza del Tribunale di Lecce del 27 dicembre 2023, questa stabilisce che tutti i creditori della ditta Ecotecnica srl – quindi anche i comuni – devono rispettare i contratti in essere per mesi 4, in poche parole le somme dovute a Ecotecnica srl devono essere rispettate.

Vane sono state le richieste di alcuni sindacati per il cosiddetto “pagamento sostitutivo” da parte del Comune.

Vano è stato l’affanno per effettuare i bonifici verso la ditta e poi quelli della ditta verso i lavoratori. Vano il tentativo di bonifici istantantei.

Il Comune poteva pagare prima la ditta Ecotecnica srl? Il Comune, considerato il fior di consulenze di cui dispone, poteva effettuare il “pagamento sostituivo”, almeno un acconto? La ditta poteva pagare prima i lavoratori?

Pasqua e pasquetta senza lo stipendio sono una bruttissima pagina per il mondo del lavoro, che speriamo di non ripetere mai più, auspichiamo anche gli accrediti di stipendi per tempo, come previsto (entro il 15 del mese successivo).

Noi continueremo a monitorare attentamente la situazione dei lavoratori e del servizio generale della ditta che, ricordiamo tra l’altro, deve anche realizzare un nuovo ecocentro comunale.

Porto Cesareo, 30 marzo 2024

I consiglieri comunali
Francesco Schito, Stefano My del gruppo consiliare “Cambiare Rotta”;
Anna Paladini del gruppo consiliare “SiAmo Porto Cesareo”;
Dott.ssa Anna Peluso, Avv. Eugenio Sambati del gruppo consiliare “Gruppo Misto”

LEAVE A REPLY