DAL 13 AL 20 GENNAIO 2024 A VEGLIE RITI RELIGIOSI, PITTURA, LIBRI, MUSICA, STREET ARTIST, MERCATINI E LA TRADIZONALE FOCARA IN ONORE DI SANT’ANTONIO ABATE

0
2450

SABATO 20 GENNAIO 2024 ALLE ORE 21.00 ACCENSIONE DEL TRADIZIONALE “FANÒI”  IN ONORE DI SANT’ANTONIO ABATE

(La tradizionale Pira che in tutto il salento è conosciuta con il nome di Fòcara, a Veglie ha un nome tradizionale e nel dialetto locale viene chiamata “Fanòi” sicuramente derivante dal termine Falò)

 VEGLIE – Si terranno da sabato 13 gennaio a sabato 20 gennaio  2024 a Veglie i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate che culmineranno con l’accensione del tradizionale “FANÒI”  sabato 20 gennaio alle ore 21.00 nelle vicinanze del palazzetto dello sport in via Pirandello a  Veglie.

Un ricco programma quello di quest’anno organizzato dal Comitato Festa Sant’Antonio sotto la presidenza del parroco Padre Luigi Mogavero, in collaborazione con la Pro Loco di Veglie APS e con il Patrocinio del Comune di Veglie.

Il PROGRAMMA
dei Festeggiamenti prevede

SABATO 13  GENNAIO  inizio del settenario di preparazione.

DOMENICA 14 GENNAIO alle ore 18.30 nei locali della Parrocchia di Sant’Antonio Abate si terrà una personale di pittura dell’artista ELEONORA MILANESE dal titolo “LIBERA NOS A MALO”. Un evento imperdibile, dove si potranno trovare  pittura, musica e recitazione. Ad accompagnare musicalmente Eleonora Milanese in questo nuovo progetto ci saranno ancora una volta Alfredo Quaranta chitarra e voce, Angelo Scalpello tromba ed Alessio de Carlo percussioni. Dialogherà con Eleonora  Roberta Leverè ed alcuni brani tratti dai testi originali saranno magistralmente letti ed interpretati da Michela Leopizzi.

LUNEDÌ 15  GENNAIO alle ore 18.30 nei locali della Parrocchia di Sant’Antonio Abate presentazione del libro “Dov’è il tuo cuore, la sarò io”, romanzo storico di Claudio Penna.  Dialoga con l’autore Angelo Cipolla. Dall’amore tra la regina di Saba e il re Salomone, nascerà il giovane Bayna che sarà incoronato come imperatore di Etiopia con il nome di Menelik. In Etiopia nascono i Beta Israel, i Falascià. Circa nove secoli dopo, a Gerusalemme c’è il battesimo dell’etiope della regina Candace. Nel 1930 è incoronato imperatore Hailé Selassié, considerato dai Rasta il 225° discendente di quel Menelik e la seconda venuta del Messia. Pericolose azioni segrete del Mossad conducono i Beta Israel nello stato di Israele. Loro, come i palestinesi e gli arabi affrontano una vita complicata all’interno del giovane Stato nato nel 1948.

MARTEDÌ 16  GENNAIO alle ore 18.30 nei locali della Parrocchia di Sant’Antonio Abate presentazione del libro “Sui crinali dell’oltre” di Don Cosimo Posi, parroco di “San Giustino De Jacoibis” a Brindisi. Dialoga con l’autore Giancarlo Canuto, insegnante di religione. Dopo i primi cinque saggi raccolti in Abitare questo tempo (2019), vengono offerti in questo nuovo libro dal titolo Sui crinali dell’oltre altri cinque temi teologico-spirituali, redatti in diverse occasioni. Il filo rosso che li tiene legati insieme è rappresentato dal Concilio Vaticano II, considerato una grande grazia per la Chiesa nel secolo XX. Non c’è chi non veda, tuttavia, che i testi programmatici dell’assise conciliare siano stati a volte ampiamente disattesi e trascurati, pena il generare nella prassi ecclesiale involuzioni teologiche, liturgiche e pastorali e il vagheggiare visioni di Chiesa anacronistiche e piramidali che il Concilio aveva coraggiosamente smantellato. Si tratta allora di riprendere in mano il filo di quel processo di rinnovamento ecclesiale innescato dal Concilio, disincagliandolo da quelle letali sabbie mobili in cui si è voluto talvolta colpevolmente farlo arenare. I testi qui raccolti, pur senza pretese di esaustività, intendono quindi “intercettare” quei “crinali dell’oltre” (la pace, i poveri, la misericordia, l’ecumenismo e il dialogo tra le culture e le religioni) che la Chiesa ha fatto propri e sui quali si è profeticamente esposta, per non essere risucchiata nell’insignificanza di una istituzione ingessata e poco credibile.

SABATO 20 GENNAIO alle ore 9,00  e  alle ore 18,30  ci sarà la celebrazione delle Sante Messe.

Il programma continuerà nella serata con inizio alle ore 19,30 della Processione con il simulacro del Santo per le vie della parrocchia accompagnata dall’Associazione  Musicale  Culturale «Banda di Veglie – “Antonio Reino”»   (La Processione percorrerà le seguenti Vie: via S.T. Piazzolla – via G. Pepe – via G. Ruffini – via I. Pindemonte – via G. Parini – via Italia Nuova –  via D. Chiesa – via Siena – via F.lli Bandiera – via G. Di Vittorio – via Pescara – via T. Speri – via Pirandello – Piazza Falò).

Alle ore 21,00 si potrà assistere all’accensione del Tradizionale Falò e a seguire lo spettacolo dei fuochi pirotecnici.

Nel corso della serata si potranno visitare i MERCATINI SOLIDALI organizzati dalle associazioni “Essere uMANI”  e “L’Albero della Vita”.

Tutta la serata sarà allietata dagli artisti di strada “MAÒRI FIRE SHOW”“LELLA BRETELLA” – “PAPILLON LE BURLÒN” – “PRISKA” – “SALENTO STREETY BAND”.

Il Parroco, Padre Luigi Mogavero
Il Comitato Festa Sant’Antonio

.

LAVORI REALIZZAZIONE FOCARA 2024:

 

.

LEAVE A REPLY