Il Sindaco di Veglie dott. Claudio Paladini disponibile a un confronto aperto con il gruppo “Sveglia Veglie”

0
1974

Il Sindaco di Veglie scrive a VeglieNews in risposta al gruppo di cittadini “Sveglia Veglie”

Il Sindaco Claudio Paladini: «Sono disponibile ad un confronto con il fantomatico gruppo  “Svegliaveglie” per avere la possibilità di discutere seriamente sulle problematiche poste»

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

Lettera del Sindaco dott. Claudio Paladini:

Al Signor Fernando Leardi, Ideatore  del sito veglienews.it

Egregio Direttore,

leggendo la lettera del gruppo anonimo ‘Svegliaveglie’ da lei pubblicata sul sito Veglienews, mi sono posto alcune domande.

E’ un fatto scontato che in democrazia ognuno di noi possa esprimere liberamente il proprio pensiero, pur sempre nei limiti e nel rispetto dei diritti fondamentali del vivere civile; ritengo – però – che la libertà di espressione e la manifestazione del dissenso debbano essere correlate alla doverosa assunzione di responsabilità (da parte di tutti), evitando di nascondersi dietro le solite ‘etichette anonime’ (gruppo di cittadini, vegliesveglia, ecc.)

E’ molto comodo sparare a zero contro le amministrazioni comunali facendo ricorso a luoghi comuni e – cosa ancor più grave – riferendo circostanze e fatti non veritieri, tali da tradurre un atteggiamento ben lontano dalla necessaria probità, nei modi e nelle forme volte a perpetrare equivoci e ambivalenze.

Occorre – pertanto – dissipare ogni dubbio al sol fine di far emergere, con la maggiore chiarezza possibile, la oggettività e la esatta descrizione dei fatti, offrendo una corretta informazione alla cittadinanza.

Caro Direttore, bisognerebbe avere sempre il coraggio di rivelare la propria identità quando si accusa qualcuno, di uscire allo scoperto per dare la possibilità di un contraddittorio reale, soprattutto quando si hanno tante cose da dire, su tutto e su tutti.

Io però il contraddittorio lo vorrei fare con i diretti interessati e non in forma virtuale  con un etichetta anonima.

Pertanto, sono disponibile ad un confronto con il fantomatico gruppo  ‘Svegliaveglie’, per avere la possibilità di discutere seriamente sulle problematiche poste ed allo scopo le chiederei di fare da tramite per fissare un incontro anche nella pubblica Piazza ovvero presso la sede comunale, anche alla presenza degli assessori e dei funzionari chiamati in causa.

Se poi vogliamo garantire l’anonimato di chi lancia la pietra e nasconde la mano, allora le dico che è proprio questo il gioco delle ‘tre scimmie’!

Claudio Paladini

LEAVE A REPLY