«KILLO» Una piacevole sorpresa del panorama musicale “Made in Veglie”

1
3489

KILLO E LE SUE CANZONI DI SANO E PURO DIVERTIMENTO, IRONIA E FOLLIA

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

VEGLIE – Per quello che mi riguarda personalmente è successo tutto in una notte di agosto a Veglie. Precisamente nella “Notte della Malota” del 19 agosto 2019. Un Festival nato nel 2011 che potremmo definire “underground “ nel quale si esibiscono per un pubblico molto attento alcuni degli artisti che saranno presenti sicuramente nella prossima scena nazionale musicale italiana.

In questa serata, oltre a numerosi ed eccellenti artisti, ho avuto la sorpresa di ascoltare le canzoni del musicista vegliese “Killo”.  Ne avevo già sentito parlare da alcuni amici e lo avevo ascoltato solo distrattamente.  Non avevo mai avuto l’occasione di mettermi di fronte a lui mentre sul palco si trasforma da  ragazzo timido e quasi impacciato  a  cantante padrone del palco, della musica e soprattutto delle parole.

Se non si conosce il suo stile, appena si comincia ad ascoltarlo si viene colti impreparati. Occorre concentrarsi ed ascoltarle le parole per capire il suo “nonsense” e quindi cominciare a sorridere e a divertirsi ascoltandolo. Killo è un funambolo delle parole, un misto tra Gaber e Baccini con una punta  di Gualazzi

Killo, nome d’arte di Marco Aprile, è un eclettico cantautore e compositore salentino di 34 anni che vive a Veglie nella provincia di Lecce.

Il suo incontro con la musica avviene all’età di 6 anni quando comincia studiare il pianoforte. Dopo 2 anni di studio rivolge il suo interesse verso la chitarra che il padre già suonava da ragazzo.

Il suo approccio con la chitarra è da autodidatta e  i generi che lo hanno influenzato  sono country, blues ed heavy-metal.

 A soli 15 anni fonda i “PRIMO IMPATTO”, una rock band con la quale ha prodotto 2 demo “IL GIOCO” nel 2000 e “NON DIMENTICARE” nel 2001. Con questa formazione ha ricevuto nel 2001 il “Premio per il miglior testo” al contest “Veglie Rock”, uno dei più importanti del salento.

Attualmente Killo è il frontman del trio “Road Flowers”, una band britpop/rock  attiva sulla scena musicale salentina dal 2013.

Accantonata  temporaneamente le sua fame di compositore dopo il diploma conseguito nel 2005, riesce a portare a termine il suo percorso universitario laureandosi in Biologia nel 2013.

Una volta tornato a Veglie sente l’esigenza di raccontarsi attraverso quei motivi musicali messi da parte qualche anno prima e che rispecchiano unicamente se stesso.

Per esprimere nel migliore dei modi  se stesso  riprende il  soprannome che lo contraddistingueva da ragazzino,  “Killo”, e comincia a raccontare la sua visione del mondo con testi autobiografici folli, ironici e divertenti.

Questo stile lo si trova già racchiuso nel suo primo EP di 6 brani con sonorità swing, dixie e country intitolato “È  solo un gioco”, un lavoro nato appunto per gioco e per divertimento e che  è diventato un progetto autobiografico, reale, solido e concreto. “È  solo un gioco” lo si può ascoltare su Spotify o acquistare sui digital stores.

Il suo primo singolo da solista dal titolo “Il tuo caro trombamico”   è uscito ad   Ottobre ed è possibile vedere il videoclip sulla piattaforma youtube. A novembre  è uscito l’altro singolo “Marziana” che racconta l’amore ultraterreno con una Marziana.

L’EP è stato Registrato, Mixato e Masterizzato presso URLO RECORDS .

I Videoclip di Marziana e de Il mio Trombamico sono stati realizzati da CineVideoLab di Dalila Miggiano.

Killo su SPOTIFY   –   FACEBOOK

Da una chiacchierata con Killo abbiamo messo in evidenza alcune sue risposte alle domande sulla sua esperienza di musicista.

– Com’è nato il tuo nuovo singolo “Marziana”?

«Marziana è nata dall’incontro con un’ “aliena”, ossia una ragazza talmente fuori dal comune al quale ho attribuito il nome “Marziana”. Il testo è molto ironico e divertente, fatto di rime e giochi di parole che immedesimano l’ascoltatore in un vero  e proprio incontro d’amore ultraterreno. É nato così, spontaneamente»

– Quali artisti hanno segnato il tuo percorso musicale e sono per te un riferimento?
«Albert Lee, Simona Molinari, Fabrizio de Andrè, Giorgio Gaber, Rino Gaetano, Raphael Gualazzi»

 – Cosa ha di interessante e di particolare secondo te il tuo EP  uscito da pochi giorni?

Credo sia divertente. Divertimento, sano e puro divertimento, ironia, follia. Un sound d’altri tempi con influenze dixie, swing e country. É un disco che si può ascoltare in una serata tra amici o in auto con i propri figli in un viaggio o mentre li si accompagna a scuola

 – Come ti sei avvicinato alla musica?

La musica ha fatto parte di me da quando ero piccolissimo. Ascoltavo e canticchiavo la musica che ascoltavano i miei genitori, come Mina, Battisti, De Andrè, Lucio Dalla, Beatles e altri ancora. Poi a 6 anni iniziai a studiare privatamente solfeggio e pianoforte. Già all’epoca componevo canzoni quando qualche anno più tardi cominciai ad appassionarmi alla chitarra. Da allora ho sempre composto e suonato questo strumento in alcuni progetti locali di vario genere.

 – Ti definisci un cantautore?

Non lo so, servirebbe ad etichettarmi e indirizzare l’ascoltatore verso uno specifico genere musicale? Ma si dai, compongo e suono le mie canzoni.

 – Hai concerti in programma?

Molto presto farò sapere alcune date. Sono in fase di programmazione.

VeglieNews

29 novembre 2019


1 COMMENT

  1. […] >>>KILLO – Tornato nel paese di origine sente l’esigenza di raccontarsi attraverso quei motivi musicali accantonati durante il perido universitario. Le sue canzoni e il suo modo di essere rispecchiano unicamente se stesso senza il  bisogno di creare il “personaggio”. Da sempre eclettico, il “nomignolo” KILLO affibbiatogli da ragazzino diventa adesso il suo nome d’arte che rispecchia la sua personalità. Con le sue canzoni fatte di testi autobiografici folli, ironici e divertenti,  Killo racconta  se stesso e la sua visione del mondo. Tutta questa follia è  racchiusa nel suo primo EP di 6 brani con sonorità swing, dixie e country intitolato “E’ solo un gioco” . Un lavoro nato appunto per gioco, per divertimento e che poi ha messo radici in un progetto autobiografico, reale, solido e concreto. Lo si può ascoltare su Spotify o acquistare sui digital stores. Dal 2 Ottobre 2018 è online il suo primo singolo da solista intitolato “Il tuo caro trombamico”  visualizzbile su YouTube. Un altro singolo “Marziana” esce successivamente a Novembre. […]

LEAVE A REPLY