Lorenzo Catamo replica alla lettera di Antonio Greco

0
885
Fountain pen on an antique handwritten letter

«Non condivido quanto Antonio Greco mi attribuisce citando un mio intervento»

Lettera di Lorenzo Catamo:

Ho avuto modo di leggere il lunghissimo intervento dell’ex sindaco Antonio Greco sulla validità del sistema elettorale comunale e devo dire che, in qualche modo, ne condivido le riflessioni.

Non condivido, però, quanto Antonio Greco mi attribuisce addirittura virgolettandolo (che significa riferire testualmente quanto scritto), citando un mio intervento analogo sul sistema elettorale vigente.

Ebbene, egli scrive che io, riferendomi all ‘allora uscente sindaco Paladini, ebbi a dire che aveva commesso “errori e sbagli che, nel caso di specie, avevano danneggiato la corretta amministrazione di Veglie”. E questo, in data 8 maggio 2020.

Forse, il Greco ha fatto un po’ di confusione (a parte il fatto che io non scriverei mai “errori e sbagli” – ridondanti sinonimi da cui mi astengo), ma in quell’occasione scrissi testualmente: “Ora, per l’amministrazione Paladini sembra giunto il momento di terminare il suo percorso, ma riesce difficile (senza scendere nei particolari) individuare quali siano i mirabolanti risultati raggiunti”. E certamente, questo accadeva dopo le plurime dimissioni di assessori, che dimostravano quale poteva essere stato il clima di quella amministrazione.

Dopo un momentaneo sconcerto, sono andato a guardarmi il mio archivio di posta elettronica che giunge al 2007 e non ho trovato nulla del genere, neanche in interventi più remoti. In altri tempi, avrei ben saputo come difendermi, ma adesso mi consento solo una grassa risata e affido al buon Dio il giudizio, da cui nessuno di noi può sfuggir.

Il tentativo di diffamazione è ampiamente fallito.

Un saluto cordiale ad Antonio Greco.

Lorenzo Catamo

29 Settembre 2020

LEAVE A REPLY