A Leverano la presentazione del libro DELFINO di Carlo Calcagni Sabato 11 Maggio

0
671

 Biblioteca di Comunità “Piazza Coperta Leverano CentraleSabato 11 Maggio 2024 –  ore 18:00

LEVERANO – Dal 30 aprile al 29 maggio 2024 torna Il Maggio dei Libri, la rassegna dedicata alla lettura in occasione della campagna nazionale di promozione della lettura ideata dal CEPELL (Centro per il Libro e la Lettura) del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dal titolo Se leggi ti lib(e)ri.

Sabato 11 Maggio 2024 alle ore 18:00, la Biblioteca di Comunità “Piazza Coperta Leverano Centrale” in collaborazione con la società di servizi culturali LiberMedia e l’Istituto Comprensivo Statale “Geremia Re” di Leverano presenta il nuovo libro “Delfino” del Colonnello del R.O. dell’Esercito Italiano Carlo Calcagni, edito da Visione Scuola.

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco di Leverano Marcello Rolli, aprirà la serata Umberto Cagnazzo, bibliotecario LiberMedia.

Dialogheranno con l’autore Antonella Cazzato (Dirigente Scolastico dell’ICS “Geremia Re” di Leverano) e Lorenzo Palumbo (Editore Visione Scuola).

Al termine della presentazione del libro è previsto un laboratorio artistico-espressivo.

DELFINO è una favola emozionante che narra del viaggio di Delfino e dei suoi amici alla ricerca del vero segreto della Felicità. Attraverso le sfide del mare, imparano il valore dell’amicizia, del coraggio e della generosità.

La favola, arricchita dalle illustrazioni di Maria Alvarez, è destinata ad un pubblico di lettori da 0 a 99 anni e veicola messaggi, valori ed ideali profondi.

La lettura induce alla riflessione sul senso della vita, che deve essere sempre e comunque valorizzata in ogni istante, nonostante le insidie ed i pericoli che nasconde. Affronta e sottolinea l’importanza del gruppo, del NOI rispetto all’IO, invitando ad abbandonare l’autoreferenzialità e ad abbracciare il valore della condivisione, della collaborazione, dell’aiuto reciproco e del sostegno all’amico in difficoltà” – dichiara il Colonnello Carlo Calcagni.

.

LEAVE A REPLY