PORTO CESAREO ADOTTA IL PIANO DELLE COSTE

0
2549

L’importante strumento urbanistico guarda alla cura e al rispetto dell’ambiente: “Meno stabilimenti di quelli previsti”

Venerdì  29 luglio 2016 la giunta di Porto Cesareo ha approvato il Piano Comunale delle Coste, l’importante strumento che definirà il futuro del litorale, non solo in termini di insediamenti ma soprattutto per ciò che attiene  il rispetto e la cura dell’ambiente.

L’elaborazione del Piano, affidata all’ingegnere Gregorio Raho, ha avuto inizio nel 2011/2012, ed ha risentito nell’iter, dapprima del Piano Regionale delle Coste e poi della legge regionale 17 del 2015, che disciplina l’uso e la tutela del demanio costiero e di tutti gli adeguamenti urbanistici del caso come i PPTR.

Prima di redigere il Piano è stato necessario effettuare una lunga serie di studi approfonditi  geologici e morfologici, botanici, monitoraggio delle correnti, della costa, del fenomeno dell’erosione, affidati a tecnici esperti in collaborazione con l’Università del Salento.

Si tratta, nella fattispecie, di un Piano per così dire soft, a basso impatto, con percentuali di occupazione della costa inferiori a quelle previste dalla legge.

A fronte delle indicazioni che prevedono il 60% di spiaggia libera e il 40% di stabilimenti balneari, lo strumento di Porto Cesareo prevede il 25% di stabilimenti balneari, il 40% di spiagge libere con servizi sul 60% di spiaggia libera. Le spiagge libere con servizi sono meno del 25%, quindi inferiori al 40% di legge.

Nell’elaborazione, sono state seguite le indicazioni del Piano Regionale, ma ci sono stabilimenti balneari che insistono attualmente su zone ad alta erosione o di rilevanza archeologica per cui occorrerà spostarne qualcuno, traslandolo, come indicato nel Piano regionale.

Altra importante novità, un tratto di spiaggia all’interno del paese sarà attrezzata con servizi per disabili e sarà gestita da associazioni o onlus.

L’iter prevede ora la pubblicazione del Piano all’albo pretorio comunale per 30 giorni, quindi altri 60 per le osservazioni, poi passerà al vaglio dell’ufficio Demanio della Regione.

pasquale de monte
Pasquale De Monte

“Ringrazio coloro che si sono impegnati – spiega l’assessore al ramo, Pasquale De Monte – il responsabile dell’ufficio tecnico Paolo Stefanelli, i progettisti,  per l’impegno profuso per la buona riuscita e l’adozione di questo Piano”.

“Un altro importante tassello è stato aggiunto alla salvaguardia del nostro territorio – dichiara il sindaco, Salvatore Albano -. Sono state abbondantemente rispettate tutte le indicazioni e i parametric di salvaguardia presenti nel Piano regionale. Abbiamo privilegiato le spiagge libere con servizi per favorire  e incentivare l’occupazione giovanile e curare meglio i nostri arenili. Da settembre organizzeremo incontri con associazioni di categoria e cittadini per spiegare al meglio il Piano nella sua interezza”.

1 agosto 2016

LEAVE A REPLY