PORTO CESAREO: Premio “VIRTÙ E CONOSCENZA 2024” sabato 15 giugno. I nomi dei vincitori

0
594

Sabato 15 giugno ore 20.00 – Piazza Enrico Berlinguer – Scalo d’Alaggio – Porto Cesareo

PORTO CESAREO (Lecce) – La sala conferenze di Palazzo Adorno, sede della Provincia di Lecce, ha ospitato giovedì 13 giugno la presentazione della VIII edizione del Festival Virtù e Conoscenza, la manifestazione che si propone di valorizzare e promuovere l’identità del territorio e la sua cultura in modo innovativo, stimolando la coesione sociale.

L’evento è promosso da Associazione MediterraneaMenteComune di Porto Cesareo e gode dei patrocini di Consiglio Regionale della Puglia, Consigliera Nazionale di Parità – Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Provincia di Lecce, Unione delle Università del Mediterraneo, Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, Università del Salento, Confindustria Puglia, Conservatorio di Musica “Tito Schipa” di Lecce, Coni Puglia, Sport e Salute Puglia.

La cerimonia di consegna dell’Alto Riconoscimento “Virtù e Conoscenza” si svolgerà sabato 15 giugno, ingresso ore 20, in piazza Enrico Berlinguer – Scalo d’Alaggio Porto Cesareo, e sarà affiancata da un ricco programma di eventi. Per l’edizione 2024 sono stati programmati momenti musicali (Finale del Sasinae Festival – International Song Contest) e sportivi (Mediterraneamente Aquathlon, in collaborazione con Agim Academy), mostre e convegni, presentazioni di libri, visite a musei e siti archeologici, escursioni nel parco naturale e nell’area marina protetta di Porto Cesareo ed altre iniziative culturali.

Alla presentazione sono intervenuti Andrea Romano (direttore generale della Provincia di Lecce), Cosimo Damiano Arnesano (ideatore ed organizzatore del Festival),  Antonio Pasca (Presidente del Tar Puglia e presidente della giuria), Antonio Chindamo (produttore discografico, direttore artistico del Festival), Olsi Paja (presidente Agim Academy Ada), Clio Evans (conduttrice della Cerimonia di gala) e le figlie dei due vincitori del Premio alla Memoria.

Presenti anche alcuni dei vincitori del Riconoscimento 2024: Saida Affouneh (preside della Facoltà di Scienze dell’Educazione e della Formazione degli Insegnanti, dell’Università Nazionale “An-Najah” di Nablus, Palestina), Fabio Massa (regista e sceneggiatore), Faty Ba (attrice e scrittrice, di appena sette anni).

“La manifestazione premia il genio, il talento, l’estro della gente mediterranea, l’impegno profuso per il bene comune, promuove la pace, la tutela dell’ambiente e il rispetto dei diritti umani, valorizza le diversità, sollecita l’integrazione interculturale, facilita il dialogo interreligioso e l’interscambio delle conoscenze, da risonanza al territorio di riferimento con le sue risorse umane ed il suo incommensurabile patrimonio paesaggistico, artistico e culturale”, ha spiegato l’organizzatore Cosimo Damiano Arnesano.

La Giuria tecnico-scientifica ha scelto, tra le tante candidature pervenute, i personaggi da premiare, ai quali sarà consegnata la riproduzione liberamente ispirata alla statuetta rappresentante il dio Thot, divinità egizia della scienza e della sapienza, risalente al IV secolo a.C., rinvenuta nel mare di Porto Cesareo nel 1932 ed esposta nel Museo Nazionale Archeologico di Taranto.

Ecco i 12 premiati:

Luigi Renis (Scalo di Furno): “Pluridecorato luogotenente dell’aeronautica militare, atleta e delegato Coni Lecce, insignito dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica dal Presidente Sergio Mattarella, per il suo straordinario impegno nello sport e nel sociale, per aver promosso l’attività sportiva come valore educativo legato alla salute e alla formazione della persona, come fattore di aggregazione e strumento d’inclusione”.

Cuore e mani aperte odv (Messapia): “Organizzazione di Volontariato, emblema di bontà, fondata e presieduta da don Gianni Mattia, per la sua missione di carità, di servizio al più povero, di assistenza agli ammalati ed ai loro parenti, con particolare attenzione verso i più piccoli”.

Gianna Fratta (Japigia): “Talentuosa pianista e brillante direttrice d’orchestra, carismatica docente di Composizione al Conservatorio di Musica “Umberto Giordano” di Foggia, per l’amore che la tiene legata alle sue radici, per l’impegno a favore della parità di genere e della lotta al cancro, per la passione e l’energia con cui tiene le sue lezioni, per la tenacia, la costanza nello studio, il senso del sacrifico che la caratterizzano e le hanno aperto le porte dei più prestigiosi teatri al mondo”.

Gennaro Della Volpe – Raiz (Mare Nostrum): Cantautore e attore italiano, profondo conoscitore della Cultura Mediterranea, voce inconfondibile degli Almamegretta, per aver rivoluzionato il sound della musica elettronica italiana e proiettato, con i suoi testi, riflessioni sulla solidarietà sociale, la pace, la migrazione, il dialogo tra religioni e culture diverse”.

Michael Haddad (Mare Nostrum): “Libanese, figura di spicco nella lotta globale contro la crisi climatica e per i diritti delle persone con disabilità, ambasciatore di buona volontà del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, per l’inesauribile impegno atto a sensibilizzare l’opinione pubblica sugli effetti del cambiamento climatico, sulla scomparsa della biodiversità e lo scioglimento dei ghiacciai dell’Artico”.

Quintino Alessandro Pisanò (Premio alla Memoria): “Imprenditore audace e innovativo, filantropo generoso, per la sua sensibilità sociale e il legame indissolubile con il territorio d’origine, per aver inventato un dispositivo rivoluzionario che ha migliorato le condizioni di lavoro dei pescatori e favorito un impatto significativo sull’intera industria della pesca nel Mediterraneo”.

Franco Simone (Speciale Mare Nostrum): “Cantautore di inestimabile valore e garbo artistico, per l’amore che lo tiene unito alle radici salentine, per l’impegno umanitario culturale per la valorizzazione della lingua latina, per aver saputo esprimere, con la sua canzone, un originale ed energico atto di accusa contro i pericoli della droga, per il suo pregevole lavoro di ricerca, scrittura ed elaborazione musicale, che lo ha reso celebre nel mondo intero per le emozioni che riesce a suscitare con ogni sua composizione”.

Saida Jaser Mahmoud Affouneh (Speciale Mare Nostrum): “Preside della Facoltà di Scienze dell’Educazione e della Formazione degli Insegnanti, nonché Fondatrice e Direttrice dell’E-Learning Center (ELC) dell’Università Nazionale “An-Najah” di Nablus, Palestina; per il suo impegno incrollabile e l’eccezionale contributo a favore dell’educazione digitale e l’apprendimento online, divenendo, nel mondo, faro di ispirazione per un modello di istruzione aperta, accessibile, coinvolgente, innovativa e trasformativa”.

Faty Ba (Speciale Mare Nostrum): “Bambina dall’animo gentile ed estroverso, scrittrice, modella e attrice, per il suo innato talento e la sua vivacità intellettuale, per aver scritto, a soli sette anni, un capolavoro editoriale e recitato, da protagonista accanto ad attori di fama mondiale, in “Global Harmony”, un film italo-americano a sostegno dei diritti fondamentali del fanciullo”.

Fabio Massa (Speciale Mare Nostrum): “Appassionato attore, lungimirante regista e sceneggiatore, per aver saputo affrontare e raccontare con originalità nel suo film “Global Harmony”, di produzione italo-americana, i temi della violenza, dell’immigrazione, delle pari opportunità, dei diritti fondamentali dell’uomo e dei bambini, aprendo spazi di riflessione, imprimendo emozioni e destando dall’indifferenza”.

Pietro Bettani: (Speciale Mare Nostrum – Alla Memoria): “Uomo di grande spessore culturale, di immensa umanità, primo medico condotto in Porto Cesareo, per la sua encomiabile dedizione al lavoro ed elevata competenza che spaziava nei diversi campi della medicina”.

Luisa Russo (Speciale Mare Nostrum – Alla Memoria): “Ostetrica di grande cultura, saggezza, generosità e umanità, conosciuta in Porto Cesareo come “Levatrice”, per la sua spiccata dedizione al lavoro, per aver guidato, rassicurato, incoraggiato le donne di una intera comunità, prima, durante e dopo il travaglio, per aver fatto vivere la nascita di un bambino come un momento magico, emozionante e indimenticabile”.

La direzione artistica è curata da Antonio (Aki) Chindamo, arrangiatore e produttore discografico, titolare di Auditoria Records (Como). Gli studenti dell’Istituto Bachelet di Copertino svolgeranno il servizio di accoglienza e fotografico. La Cerimonia di Gala sarà condotta da Clio EvansManuela Sparapano e Francesco Vitulano. Gli interventi musicali saranno curati dall’Ensemble Orchestrale “Euphonic”, diretto dal violinista Joele Micelli.

Durante la serata si esibiranno gli artisti finalisti del Sasinae Festival: Vocal Singergy (Soleto), Joia B (Quarto, Napoli), Roberta Intrieri (Rende, Cosenza) e Vinicio Simonetti (Ascoli Piceno). Ospiti speciali, i ballerini Aurelia Peluso e Francesco Erroi, campioni di Latin Show e Latin Style.

 Il servizio sicurezza sarà gestito da Servizi Sicurezza Italia, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana di Lecce e la Protezione Civile “Le Aquile del Mare”, con il coordinamento di Guglielmo Saturnino e Salvatore Alemanno.

LEAVE A REPLY