Sindaco Claudio Paladini: «OLTRE IL LIMITE. Basta attacchi gratuiti alla mia persona»

4
2434

Risposta del Sindaco dott. Claudio Paladini agli attacchi del prof. Antonio Greco

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

SCOPRI I SERVIZI DI KINGART.IT

Quando il discorso politico ha una funzione prevalentemente valutativa, non pone un problema di veridicità di proposizioni assertive e i limiti scriminanti del diritto garantito dall’articolo 21 della Costituzione sono solo quelli costituiti dalla rilevanza sociale dell’argomento e dalla correttezza di espressione.

Sicché il limite all’esercizio di tale diritto deve intendersi superato, quando l’agente trascenda ad attacchi personali, diretti a colpire, su un piano individuale, senza alcuna finalità di pubblico interesse, la figura morale del soggetto criticato, giacché, in tal caso, l’esercizio del diritto, lungi dal rimanere nell’ambito di una critica misurata ed obiettiva, trasmigra nel campo dell’aggressione alla sfera morale altrui, penalmente protetta.

Tanto premesso, e dopo aver tollerato a lungo e fino ad ora soprasseduto su altre spiacevoli “rivelazioni”, mi sento in dovere di intervenire al fine di difendere la mia persona, nel momento in cui le illazioni sul mio operato involgono l’aspetto della liceità dei miei comportamenti.

Basta con supposizioni  sul “clientelismo e familismo locale” (nel caso di specie, del tipo: …...”votato perché i cittadini cercano un riferimento per le esigenze sanitarie a domicilio o in ospedale nell’inferno della sanità pubblica”…….).

Espressioni di tal genere determinano certamente l’abuso del diritto di critica, stante la lesione della mia reputazione di persona stimata ed onorata, prima ancora che di Medico e Sindaco, e la non pertinenza ai temi apparentemente in discussione.

Sono stanco di attacchi gratuiti alla mia persona e alla mia moralità! Svolgo con passione e professionalità il mio lavoro e non accetto che questo venga messo sempre in discussione.

Adoperando questo tipo di argomenti, infatti, non rileva certamente il diritto di critica in nome della democrazia, ma anzi si tende a degradare il dibattito politico da un confronto di idee e di progetti ad uno scontro tra pregiudizi alimentati dalle contumelie, sottraendo ai cittadini ogni possibilità di effettiva partecipazione politica!

Quindi, mi auguro, nel prosieguo del mio mandato elettorale, l’esercizio di una critica politica costruttiva, nell’unico interesse della collettività!

Dott. Claudio Paladini

Articolo correlato:

DIFFERENZA TRA DIFFAMAZIONE E DIRITTO DI CRITICA POLITICA

4 COMMENTS

  1. Adesso che il sindaco ha risposto le posizioni però sono sbilanciate. Bene avrebbe fatto Fernando Leardi a porre la condizione di ripubblicazione della lettera del professore Antonio Greco per dare la possibilità a tutti di farsi una autonoma opinione.

LEAVE A REPLY