Il prof. DANIELE MANNI è l’unico italiano tra i 10 leader più impattanti al mondo che stanno trasformando la scuola

0
576

La prestigiosa rivista americana “CIO Look” sceglie di dedicare la copertina alla storia del prof pugliese Daniele Manni,

Per la prima volta in copertina c’è un italiano
Gli altri protagonisti sono cinesi, americani, australiani e arabi

La rivista americana “C I O Look” è specializzata nella ricerca e pubblicazione di storie di protagonisti straordinari che sono fautori di cambiamento e creatori di grande impatto, sia in ambito Business (Ceo, manager, consulenti, etc.) che nel campo dell’istruzione e della formazione (docenti, dirigenti, ricercatori, pedagogisti, …).

L’ultimo numero del magazine è dedicato ai “10 Most Visionary Leaders Transforming Education”, ossia i 10 maggiori leader visionari che stanno trasformando l’istruzione, e tra loro vi è un docente italiano, Daniele Manni, che insegna Informatica e Educazione all’Imprenditorialità presso l’istituto “Galilei-Costa” di Lecce.

Non solo, la redazione ha ritenuto l’operato del prof Manni tra i più interessanti e disruptive (fuori dagli schemi) e gli ha pertanto dedicato la storia di copertina insieme ad un servizio di otto pagine. È la prima volta in assoluto che il magazine americano dedica la copertina ad un italiano.

Nella rivista sono raccontate anche le storie di Demetrios Roubos (Stockton University, Usa), Karam Bashir (Asamiah International School, Giordania) e Ca Tse (Chinese University, Hong Kong), mentre sono solo elencati gli altri 6 protagonisti che stanno trasformando il mondo dell’education con le loro visioni, innovazioni e rivoluzioni: Alberto Carvalho (Los Angeles Unified School District, Usa), Amr Adly (Egypt Japan University, Egitto), Ange Alcock (Education Ontrack Pty, Australia), Hani Asfour (Dubai Institute of Design and Innovation, Emirati Arabi), Kristin Greene (Microsoft Education Executive, Usa), Peter Hutton (Saudi Pro League, Arabia Saudita).

Un estratto dalla nota dell’editore riporta:

“L’istruzione e la ricerca rappresentano da sempre la pietra angolare del progresso sociale. Nella frenetica era digitale di oggi, la necessità di innovazione e di leader lungimiranti è più critica che mai. I CIO, gli educatori, i ricercatori e gli amministratori che presentiamo in questa edizione rappresentano una vasta gamma di esperienze in diversi ambiti. Tuttavia, essi condividono tutti un impegno comune, volto a migliorare la qualità dell’istruzione e il progresso della conoscenza. Questi visionari hanno la capacità di comprendere il grande potenziale che la tecnologia ha nel rivoluzionare l’apprendimento e la ricerca. In questa edizione esploriamo storie di leader che non solo hanno abbracciato la trasformazione digitale, ma hanno anche guidato l’innovazione all’interno delle loro organizzazioni. Le loro intuizioni, strategie e iniziative offrono lezioni preziose per tutti noi.”

 L’articolo dedicato al prof leccese inizia così:

“Nella città baciata dal sole di Lecce, posizionata nella bellezza dell’Italia meridionale, Daniele Manni, un esperto docente di Informatica e Educazione all’Imprenditorialità presso l’Istituto Costa, ha ideato una narrativa didattica unica. È un pioniere nell’approcciare l’istruzione con creatività, dedicando oltre la metà delle sue ore di lezione nell’incentivare e coinvolgere gli studenti in progetti e startup in vari ambiti economici e sociali.”

In chiusura del pezzo, Manni svela quattro sue pratiche vincenti:

  1. “perdere” delle ore di lezione per entrare in piena empatia con i propri studenti;
  2. diversificare possibilmente le lezioni, aiutando i più demotivati e facendo correre avanti i più interessati e bravi;
  3. ideare e sperimentare in continuazione tecniche didattiche e nuovi approcci;
  4. divertirsi! Gli alunni si accorgono perfettamente se il docente si sta divertendo a stare con loro in aula e partecipano molto più volentieri.

.

Link per sfogliare la Rivista digitale:

>>> CIO LOOK MAGAZINE >>>

Link all’articolo completo sul prof. Daniele Manni:

>>> ARTICOLO DANIELE MANNI >>>

.

.

LEAVE A REPLY