Patteggia la condanna una 76enne di Veglie accusata di stalking per striscioni offensivi nei confronti del comandante della polizia municipale e di molestie al vicino B&B

0
4518

Si chiude con un patteggiamento a 6 mesi di reclusione (pena sospesa) una lunga vicenda di molestie contro il Comandante della Polizia Municipale di Veglie e  i proprietari di un B&B

 

VEGLIE –  Si è conclusa con il patteggiamento della condanna a 6 mesi di reclusione (pena sospesa) la vicenda  che negli ultimi anni  aveva animato la Piazza centrale di Veglie con lenzuola e striscioni esposti su un balcone recanti frasi offensive e diffamatorie nei confronti del Comandante della Polizia  Municipale di Veglie oltre a  molestie ai danni degli ospiti e del titolare di un Bed & Breakfast.

Le minacce e le intimidazioni sono state arrecate da C.M., una 76enne di Veglie,  che per diversi anni e in più di un’occasione ha esposto sul proprio balcone,  che si affaccia sulla Piazza principale di Veglie, lenzuola e striscioni con lo scopo di attirare l’attenzione  su alcune vicende burocratiche personali che a suo dire l’avrebbero danneggiata.

Il tono delle frasi usate sugli striscioni con il passare del tempo avrebbe superato i limiti della diffamazione e delle molestie tanto che in più di un’occasione gli stessi cittadini di Veglie, anche sui giornali e sui siti locali,  avevano chiesto alle autorità di prendere provvedimenti verso un atteggiamento che non rispettava  il decoro urbano del paese (Articolo 25/6/15  – Articolo 26/6/15  –   Articolo 30/6/15 ).

La signora C.M.,  difesa dall’avvocato Andrea Starace, ha patteggiato la pena  davanti al gup Michele Toriello dopo una lunga vicenda giudiziaria.  L’imputata è  stata anche sottoposta ad una perizia che ha confermato la sua capacità di intendere e di volere.

Le indagini sono partite dopo una serie di denunce da parte delle persone offese e sono state condotte dai carabinieri della stazione di Veglie che, durante il periodo dei fatti,  era guidata dal maresciallo Matteo De Luca.  Stando a quanto appurato, la donna con le frasi scritte sugli striscioni esposti sul balcone della propria abitazione avrebbe accusato il comandante della polizia municipale di aver effettuato «alcuni favoritismi» e «di non essere persona seria e capace di ricoprire il suo ruolo».  In un altra occasione inoltre, la donna avrebbe minacciato verbalmente di morte il pubblico ufficiale nel suo ufficio.

Anche nei confronti dei titolari e degli ospiti di un bed and breakfast confinante con la propria abitazione, la signora C.M. avrebbe usato degli atteggiamenti molesti paragonabili a stalking. In più di un’occasione infatti gli ospiti del b&b sarebbero stati disturbati durante il sonno dal volume altissimo di casse acustiche posizionate sul terrazzo adiacente. Nei confronti del titolare del b&b sarebbero stati invece usati striscioni offensivi.

20 aprile 2017

Veglie News

LEAVE A REPLY